I preferiti di Aprile: tanti desideri e un enorme book haul

Perché chi ama i libri non resiste alla tentazione di acquistarne quantità industriali?

Bentornati lettrici e lettori in questo spazio scomposto e spettinato.

Come ogni fine mese, vi propongo le mie perlustrazioni preferite nel mondo librescjo. Questo mese è stato strano: ho comprato un sacco di libri e ne ho iniziati altrettanti. Finiti pochissimi, ahimé! Quindi ho pensato di parlarvi degli ultimi acquisti che ho fatto e delle lettura in corso.

Pubblico articoli qui e su Instagram una volta a settimana con consigli di lettura “scomposti”, sfide e consigli su come sopravvivere nel mondo accademico. Se non volete perdervi niente, iscrivetevi per ricevere tutti gli aggiornamenti. Link a lato.

Vai direttamente alla sezione “Cosa sto leggendo”

Let’s Jump in!


Le montagne di libri acquistate tra Marzo e Aprile

7 libri, ebbene sì: 7 libri sono volati improvvisamente via posta verso la mia porta, e non vi dico quante versioni digitali sono “misteriosamente” apparse sul mio e-reader!

Non vedo l’ora di iniziarli, se solo avessi 72 ore al giorno…

Il primo è la meravigliosa edizione della fiaba La Bella e la Bestia dell’Ippocampo, con le illustrazioni di Minalima. Me lo hanno regalato e mai dono è stato più apprezzato. Era tempo che avevo nella mia lista questa edizione e finalmente sono stata baciata dalla fortuna e l’ho ottenuta (santo marito). È veramente un’edizione meravigliosa, con inserti interattivi e una cura grafica che fa del dettaglio il suo punto di forza. Meraviglioso (l’ho già detto?). Credo che lo leggerò rapidamente e vi farò un post dedicato su Instagram.

Il secondo è Eva di Nicoletta Vallorani che contiene una interessante prefazione di Tiffany Vecchietti (Miss Fiction Books). Questo libro è edito da zona42 e ne sono venuta a conoscenza a seguito di una live che Miss Fiction ha fatto qualche tempo fa con l’autrice e l’editore. Mi attira molto anche perché ho letto subito la prefazione di Tiffany che dipinge il libro con toni così caldi e entusiasti che non posso fare a meno di leggerlo. È la storia antecedenti il libro Avrai i miei occhi e segue i personaggi Nigredo, Olivia e Eva in una Milano contemporanea. In lettura a breve, poi vi dirò.

Il reale in Eva, ma possiamo tranquillamente dire nell’antropocene agli sgoccioli e con le ore contate, è una rielaborazione mitica che apre a possibilità vecchie, nuove, parallele o tangenti e inesplorate. Da un lato, immancabile il pericolo della rassegnazione, dell’edonismo, della chiusura, ma anche della disperazione più cinica delle macerie circostanti che entrano dentro ogni soggetto senza chiedere permesso e prendendo il controllo, come potrebbero suggerire i luoghi e le pulsioni nel mondo di Eva.

Eva, Nicoletta vallorani, prefazione di tiffany vecchietti, p.xii

Il terzo e il quarto libro sono due edizioni Einaudi, prese in occasione degli sconti, dell’autore americano Paul Auster. Rispettivamente si tratta di Nel paese delle ultime cose e Il libro delle illusioni. Tanti mi chiedono come fare a capire da dove partire nella scoperta di un autore e io concordo con Ilenia Zodiaco quando dice: leggete le trame e prendete quella o quelle che vi ispirano di più. Io non conosco molto la letteratura americana e ho deciso di seguire questo consiglio. Parto da Paul Auster e, in particolare, da questi due volumi semplicemente perché mi attraggono le trame.

Il primo parla di un mondo dove gli oggetti scompaiono e quindi ci sono solo “ultime cose”, come l’ultima matita o l’ultimo telefono, ma probabilmente anche altro; il secondo si concentra sui temi dell’esperienza artistica e della vita dell’artista, tra fragilità e forza dell’opera d’arte. Entrambi mi intrigano parecchio, vedremo.

Sulla scia della letteratura americana ho acquistato anche Il complotto contro l’America di Philip Roth. Di Roth avevo iniziato a leggere La Macchia Umana che avevo però abbandonato per via del termine della gravidanza e che poi non ho più ripreso. Avevo però voglia di leggere questo specifico libro in quanto parte della marco-categoria dei libri distopici. In realtà è un’ ucronia poiché racconta una storia alternativa alla seconda guerra mondiale. In particolare ambienta il romanzo nel 1940 quando il presidente degli Stati Uniti stringe un’alleanza con Hitler, invece che appoggiare inglesi e francesi. Amo particolarmente i libri di questo genere, quindi mi ci sono fiondata!

Infine due libri, anche questi che attendo trepidante di avere il tempo di lettere e che fanno parte della letteratura femminista. Ho infatti preso Stai zitta di Michela Murgia e Decolonialità e privilegio di Rachele Borghi. Entrambi sono saggi (o comunque non fiction). Il libro della Murgia è un compendio di frasi che le donne tendono a sentirsi dire e che l’autrice smonta e spiega in una critica profonda ad una società che ha incorporato in se stessa frasi sessiste e spesso poco rispettose. Il libro di Rachele Borghi, invece, è un saggio vero e proprio, edito da Meltemi sul tema del colonialismo. Di questo tema avevo letto di recente Calibano e la Strega di Silvia Federici e mi interessa approfondire.

Li avete letti? Fatemelo sapere nei commenti (clicca qui per andare direttamente in fondo).

Faccio parte del programma di affiliazione Amazon, per cui se acquisti il libro attraverso il link qui sopra io riceverò una piccola commissione. Non ricevo nulla dal click ma solo da un acquisto effettivo. I proventi li utilizzo per mantenere attiva la pagina e per acquistare i libri che leggo e poi recensisco.

Torna al menù

Cosa sto leggendo?

Come potrete vedere dalla connessione con il mio profilo Goodreads (venite a trovarmi anche lì se vi va), sto leggendo diversi libri in contemporanea. Era diverso tempo che non mi capitava di mettere così tanta carne sul fuoco, ma questo mese è andata così! Tra i libri che sto leggendo questo mese, vi presento quelli che mi stanno piacendo di più.

Il trono di spade, Vol. 1, Il grande inverno di George R.R. Martin. Ecco che questo libro si sta rivelando una piacevole scoperta tardiva. Ormai lo avete letto tutti o comunque tutti avete visto la serie. Tutti tranne me! Sì perché tendo ad avere una specie di rifiuto psicologico nel fruire contenuti che stanno piacendo ai più (Leigh Bardugo ovviamente fa eccezione). Però, dopo anni che questo libro mi guardava dal suo scaffale, qualcuno mi ha detto questa frase: “Martin ha preso tutti i tropi del genere e li ha ribaltati”. E questo mi ha fatto scattare la curiosità. Io amo la lettura e amo la scrittura, soprattutto amo gli autori che sono in grado di fare qualcosa di nuovo e di inaspettato. Ho sempre creduto che Il trono di spade fosse il solito fantasy, troppo simile al Signore degli Anelli per potergli dare una chance. E questa frase mi ha colpita. Ecco che quindi ho tirato giù il volumone, l’ho spolverato e lo sto leggendo. Ne avrò letto circa il 20% e devo dire che non me ne sto pentendo. Ci sono un po’ di “spiegoni” ma cerco di andare oltre. Quindi per ora continuo.

Secondo volume che mi sta interessando è il saggio sulla scrittura di James Wood, Come funzionano i romanzi. Ne ho sentito parlare sul canale di Ilenia Zodiaco e mi aveva incuriosito. Come vi dicevo, amo la scrittura e amo capire come funziona, soprattutto quando ci si pone come critici (seppur amatoriali) di romanzi e libri in genere. Ho un intero scaffale dedicato a questo genere di libri e quindi non potevo non comprare anche questo. Tra l’altro è da poco uscito in ristampa per Minimum Fax e, fino a qualche mese fa, era introvabile. C’è un grande MA: non vi aspettate un libro strutturato in maniera canonica. Non aspettatevi il classico saggio sul romanzo che dedica un capitolo ad ogni parte della scrittura. Si tratta, infatti, piuttosto di un insieme di passaggi in cui l’autore analizza diversi aspetti della scrittura del romanzo. C’è una logica ovviamente, però rimane un saggio che si sviluppa per “pillole”. Apprezzati moltissimo i numerosi esempi. Non vi dico di più perché non l’ho ancora finito e sto pensando di dedicargli un articolo intero per la rubrica “Riflessioni Scomposte”. Fatemi sapere se vi interessa nei commenti in fondo.

Terzo e ultimo volume di cui vi accenno è Ruin and Rising di Leigh Bardugo, che fa parte della trilogia della Grishaverse. Lo sto leggendo in inglese, ma vi consiglio di approcciarlo in italiano se non siete già abituati alla lettura fantasy in lingua, perché rischiate di non apprezzarne il lessico e le sfumature. Io stessa, che uso l’inglese per lavoro quotidianamente, sto pensando di recuperare l’edizione italiana. Non vi dico di più, solo che è in linea con gli altri libri della serie e che, tutto sommato, mi sta piacendo molto. Sto anche guardando la serie su Netflix, ovviamente. Non so se dedicare un articolo poiché ormai lo stanno facendo tutti (soprattutto due delle influencer che io amo di più, ovvero Ilenia e Miss Fiction). MA ditemi se vi interessa il mio parere, altrimenti credo che passerò.

Se vi va di aiutarmi un poco economicamente e vi interessano alcuni dei titoli che vi ho indicato, vi invito a cliccare sui link e ad acquistarli da lì.

Faccio parte del programma di affiliazione Amazon, per cui se acquisti il libro attraverso il link qui sopra io riceverò una piccola commissione. Non ricevo nulla dal click ma solo da un acquisto effettivo. I proventi li utilizzo per mantenere attiva la pagina e per acquistare i libri che leggo e poi recensisco.


Per questo mese è tutto ma potete venirmi a trovare su Goodreads e su Instagram per continuare a discutere di questi libri e di altri. Sarei anche felice di leggere qui sotto i vostri commenti ma anche di fare una chiacchierata più personale via mail. Insomma contattatemi se vi va.


Fatemi sapere quale di questi libri vi ispira di più, rispondendo al poll di seguito:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...